Studi scientifici affermano che il 20% della popolazione mondiale avverte una fastidiosa sensazione di dolore e gonfiore addominale soprattutto dopo i pasti e che una corretta alimentazione può influenzare positivamente i processi di digestione.

Ricerca e innovazione di prodotto sono due elementi che da sempre contraddistinguono l’attività di Natura Nuova, con un’attenzione particolare agli aspetti salutistici e benefici dei cibi.
Da questa esperienza è nata la nuova linea di gastronomia vegetale Alifree FODMAP, che propone al consumatore prodotti in grado di appagare il gusto (e la vista) senza dimenticare l’importanza di un’alimentazione attenta, bilanciata e, in questo caso specifico, “buona” per l’intestino.

Si tratta di tre piatti pronti a base di tofu, ottenuto da soia 100% made in Italy, arricchiti da curcuma, spezia dalle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, e soprattutto a basso contenuto di ingredienti FODMAP: “Mini Burger alla mediterranea”, “Medaglioni alla parmigiana” e “Bastoncini di Tofu alle verdure”. Unica sul mercato, la nuova linea Alifree FODMAP – acronimo inglese che indica una serie di carboidrati difficilmente assorbiti dall’intestino e che quindi possono provocare gonfiore di pancia e cattiva digestione – è nata dalla storica collaborazione medico-scientifica fra Natura Nuova e il Professor Giancarlo Caletti, gastroenterologo e docente all’Università di Bologna, volto noto delle reti Rai chiamato come esperto in diverse trasmissioni dedicate alla salute e al benessere.

«FODMAP, acronimo di Fermentable Oligo-Di-Monosaccharides and Polyols, indica un gruppo di carboidrati a corta catena (lattosio, fruttani, fruttosio, galattani e polialcoli) scarsamente assorbiti dalle pareti intestinali e fermentati dai batteri dell’intestino stesso – spiega il Professor Caletti – La loro presenza nell’alimentazione provoca all’interno dell’intestino un aumento di acqua e di produzione di gas, principale causa di gonfiore e dolore addominale. Ricercatori della Monash University di Melbourne hanno recentemente dimostrato che un’alimentazione a basso contenuto di FODMAP favorisce (fino al 75% dei casi) una regressione del gonfiore e del dolore addominale, un miglior transito intestinale, quindi una riduzione dei livelli di stress. Oggi tale approccio è internazionalmente accettato come una strategia efficace nella gestione della sindrome dell’intestino irritabile».